Serie D, Gementi prudente: “Le partite vanno giocate, estremo rispetto per l’U.Clodiense”

di Lorenzo Aluigi

Non è un mistero che per il Trento sia fondamentale la partita di domani. I risultati maturati domenica hanno fatto felice la truppa di Carmine Parlato, una giornata in cui le due dirette concorrenti hanno perso punti vitali. Ora per i trentini si spalancano seriamente le porte della Serie C, obiettivo apertamente dichiarato in occasione del centenario della società. Prima ci sarà però da affrontare un’Union Clodiense che si trova davanti ad un bivio: tenere accesa la fiammella per la promozione diretta o abbandonare quasi certamente l’obiettivo. Ne abbiamo parlato con Attilio Gementi, diesse del Trento e che si sta avvicinando ad uno storico salto tra i professionisti:

Parto con il dire che le partite vadano giocate, sempre e comunque. Affronteremo una squadra forte, costruita bene e che ha una storia importante alle spalle. Incontrerò un amico come Roberto Tonicello e un allenatore che ho avuto per tre anni a Campodarsego (Antonio Andreucci, ndr). E’ vero che probabilmente noi possiamo contare sull’ottenere due risultati su tre, ce la giocheremo a viso aperto e con la mentalità giusta. La squadra è sul pezzo, in questi mesi abbiamo dimostrato tanto e ora manca l’ultimo step.

(sfoglia le schede per continuare a leggere)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy