Serie D, il super attacco della Virtus Bolzano contro l’Arzignano (fermo da un mese): domani la sfida

di Redazione PadovaSport.TV

Va in scena nel pomeriggio di domani (fischio d’inizio alle 14.30) il recupero della settimana giornata tra Arzignano e Virtus Bolzano: il match previsto inizialmente per mercoledì scorso, è stato posticipato per la necessità da parte delle due squadre di doversi sottoporre ai tamponi rapidi almeno il giorno prima della partita (e la conseguente prenotazione degli stessi per tempo). Per la formazione biancorossa, quarta in classifica, con il miglior attacco del campionato e che ha giocato l’ultima partita due settimane fa vincendo largamente (4-0) contro il Cartigliano, l’opportunità di continuare nel fin qui ottimo cammino, anche se l’avversario odierno, che è sceso in campo l’ultima volta oltre un mese fa, e a dispetto dell’ultimo posto in classifica che occupa, è una squadra costruita per stare nelle posizioni di vertice. «Non sarà una partita facile, tutt’altro – spiega il tecnico Alfredo Sebastiani, intervistato dal Corriere dell’Alto Adige – l’Arzignano è una squadra forte e la classifica vista la situazione che stiamo vivendo, è tutt’altro che veritiera in questo momento; loro poi hanno cambiato allenatore (Bianchini ha preso il posto di Spinale ndr) e anche questo è un aspetto non secondario. Arzignano che non gioca da un mese? Probabilmente siamo sì avvantaggiati per questo– continua il tecnico abruzzese – però preferisco formare in casa i vantaggi attraverso la mentalità, l’organizzazione e le grinta che bisogna mettere in campo». In casa Virtus Bolzano, c’è da sconfiggere il tabù trasferta: nelle due gare lontano dall’Internorm Arena infatti, Kiem e compagni sono sempre usciti sconfitti, nella fattispecie contro Montebelluna e Adriese, pur meritando ai punti almeno la divisione della posta. Sebastiani ha ritrovato quasi tutti i giocatori dopo i diversi casi di positività registrati: sempre fuori per infortunio invece Cremonini, mentre si è ripreso Kicaj. «Anche se la sua condizione fisica – osserva l’allenatore biancorosso – non può essere ottimale e cosí pure quella dei giocatori che sono rientrati dopo la quarantena: però tutti ci stanno mettendo voglia e questo è importante: in genera- le in queste due settimane abbiamo lavorato bene». Quella di domani pomeriggio è l’ultima gara prevista per i biancorossi prima di quella che era stata fissata come data per la normale ripresa del campionato e cioè domenica 29: le parole del presidente della Lega Sibilia dei giorni scorsi, farebbero propendere che si dovrà attendere almeno fino al 6 dicembre: se così fosse sarebbero ben cinque le partite non disputate tra novembre ed inizio dicembre con ulteriore intasamento dei calendari. «Viviamo alla giornata – conclude Sebastiani – per noi riprendere a fine novembre sarebbe certamente meglio, con maggiore continuità nel lavoro che stiamo svolgendo».

Leggi tutte le news sul calcio dilettanti del triveneto: clicca qui

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy