Serie D, la protesta di Andrea Maniero: “Il Campodarsego si è sempre distinto per il rispetto portato a chi viene al Gabbiano”

di Lorenzo Aluigi

Il concitato finale di gara contro la Manzanese ha lasciato non poche scorie in casa Campodarsego. La formazione guidata da Ale Ballarin si sta preparando per affrontare il derby con la Luparense, dovendo però anche fare i conti con quanto successo domenica scorsa. Oltre all’espulsione comminata ad Annoni a fine match, punita con due turni di squalifica dal Giudice Sportivo, il referto arbitrale ha portato anche ad un’ammenda per la società biancorossa. Secondo l’arbitro, due tesserati della società avrebbero “fatto indebito ingresso nella zona spogliatoi e rivolto espressioni offensive all’indirizzo degli ufficiali di gara, desistendo dalla condotta solo grazie all’intervento delle forze dell’ordine.”

Il diesse Andrea Maniero, però, non ci sta assolutamente:

Ci tengo a difendere l’onorabilità del Campodarsego, che si è sempre distinto per l’accoglienza e il rispetto portato a chi viene nel nostro stadio, arbitri in primis. Ciò che ha scritto l’arbitro dopo la gara è lontanissimo dalla realtà, tra le due persone indicate c’ero io, quindi so di cosa parlo. Sono deluso, perchè se questi sono gli arbitri, che dovrebbero essere al di sopra delle parti, non va bene: si scrivono bugie per difendere il proprio operato e questo mi delude. I Carabinieri erano di fianco a me, sono pronti a confermare il fatto di non essere minimamente intervenuti, oltre al fatto che non ci sia stata alcuna irruzione in zona spogliatoi condita da insulti o gesti offensivi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy