Serie D, Luparense: è Venitucci l’ago della bilancia. La sua crescita è esponenziale

di Lorenzo Aluigi

La rimonta della Luparense sul campo dell’ U. Feltre è stata a dir poco entusiasmante, molti sono i meriti dei rossoblu e altrettanti i demeriti della compagine guidata da Andreolla. Grazie ad un parziale di 4-0 tra l’8′ e il 26′ della ripresa, i sanmartinari sono riusciti ad aggiudicarsi l’intera posta in palio, guidati dalle doppiette di Santi e Fracaro, già autore di un gol nel primo tempo. A riportare in partita i suoi con la rete del 3-2 è stato però Dario Venitucci, tempestivo nel bucare Corasaniti con quello che non è sicuramente il suo colpo migliore, ovvero il colpo di testa. La partita del numero 10 rossoblu, tuttavia, è stata maiuscola a prescindere da questo sigillo, quando gira lui tutta la squadra ne beneficia: il perfetto collante tra centrocampo e attacco, un giocatore dalla classe cristallina. La differenza con lui in campo si era già vista nel secondo tempo di Belluno, quando il suo ingresso al 1′ st aveva completamente cambiato l’inerzia. Al Boscherai di Pedavena è invece partito dall’inizio, esplodendo però nei secondi 45′ di gioco: el diez rossoblu accende la luce, e illumina la scena.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy