Serie D, Luparense: il cuore del capitano, Rubbo è insostituibile

di Lorenzo Aluigi

La gara di ieri ha messo in evidenza l’importanza di Alberto Rubbo nello scacchiere della Luparense. Il capitano è quel tipo di giocatore che ogni allenatore vorrebbe, e Nicola Zanini non fa eccezione. L’ex Vis Pesaro ha sfoderato la solita grandissima prestazione, correndo su tutta la fascia e non risparmiandosi mai. La rete del 2-0 ha impreziosito ancor di più la sua domenica, dopo averla già sfiorata nel primo tempo. In quell’occasione un suo tiro cross aveva rischiato di beffare Daffrè, lo stesso portiere non ha poi potuto nulla sul gran mancino di controbalzo del capitano.

Per il classe ’89 sono ora tre i gol in campionato, di cui due segnati nei derby padovani. Proprio le “stracittadine” sono il fiore all’occhiello in questa stagione, per un dominio totale tra le squadre patavine, risultati alla mano. L’exploit di ieri ha permesso ai Lupi di inanellare il nono risultato utile consecutivo, una striscia che li rende una delle squadre più in forma del girone. Grandi meriti per i singoli: dai riflessi di Bacchin ai gol di Santi, passando per la regia di Chajari e la classe di Venitucci, Fracaro e Finocchio, fino ad arrivare alla muraglia eretta da Munaretto e Beccaro. In tutto questo è fondamentale l’apporto di Rubbo: il capitano è uno dei pretoriani di Zanini. L’obiettivo? Un finale di stagione da protagonisti, i Lupi mostrano i denti.

(Credit foto: Luca Marazzato)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy