Serie D, Mestre: cosa succede? L’analisi del difficile momento in casa arancionera

di Lorenzo Aluigi

Sembrava che il Mestre fosse uscito dal tunnel dopo la preziosissima vittoria in casa del Delta Porto Tolle, ma oggi ci troviamo a parlare di una nuova sconfitta. La truppa di Zecchin si è arresa per 1-2 in casa contro il rinato Cjarlins Muzane, che l’ha vinta praticamente allo scadere. Ci aveva pensato Frison a riequilibrare il risultato nella ripresa, paradossalmente anche un punto sarebbe bastato, perlomeno ci sarebbe stata una continuità dopo l’exploit del Cavallari. Niente da fare invece, ora i numeri cominciano a diventare pesanti: Quattro sconfitte nelle ultime cinque, di cui tre casalinghe e per giunta arrivate contro squadre in lotta per non retrocedere (Chions e Campodarsego) o che non stanno attraversando un buon momento (Cjarlins). In mezzo anche le due sberle rifilate dal Cartigliano, quando al Fair Play gli arancioneri terminarono la sfida addirittura in nove uomini. E’ un momento sicuramente delicato, le prime posizioni sono (quasi) irrimediabilmente scappate, e per ora pure la zona playoff. L’assenza di capitan Gianni Fabiano si sta indubbiamente facendo sentire, sia per il carisma che l’ex Venezia mette a disposizione dei compagni, sia per le qualità tecniche sopra la media del folletto 36enne. Un momento difficile era già capitato da metà a fine dicembre, con tre stop consecutivi: ora la situazione è analoga, il trend va invertito in fretta..

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy