L’EDITORIALE | Non eravamo i grandi favoriti di questi play-off, ma uscire così…NO!

L’EDITORIALE | Non eravamo i grandi favoriti di questi play-off, ma uscire così…NO!

di Stefano Viafora

Che brutto epilogo. A Padova, purtroppo siamo abituati a questi finali di stagione amari. Due partite erano bastate a riaccendere l’entusiasmo e a tornare a parlare di calcio. Il Padova aveva trovato anche nuovi eroi, come Ronaldo che si è preso la scena inventandosi un gol magico contro la Feralpi. C’erano tutte le premesse per una serata ben diversa ad Alessandria. Invece è andato in scena un film horror, ce le ha suonate una squadra di giovani come la Juventus Under 23 (nata un anno fa), che ha terminato la stagione al decimo posto in classifica (ultima posizione valida per entrare nei play-off allargati). Qualche buona individualità, sicuramente più voglia di vincere, più motivazione. Ma il Padova doveva essere un altro Padova. Ci siamo sgretolati sul più bello, con il vento in poppa, dopo l’espulsione di Fagioli (tra l’altro il giocatore con più talento della formazione di Pecchia). Un tempo intero con l’uomo in più senza mai concludere un’azione che si possa definire tale, solo qualche tiraccio da fuori di Ronaldo e Gabionetta. Per il resto il nulla totale, con alcune prestazioni imbarazzanti (meglio non fare nomi a questo punto). Non eravamo noi i grandi favoriti di questi inediti play-off con formula secca, ma certo nessuno si aspettava di uscire così. Travolti da un gruppo di giovani calciatori che cercano di ritagliarsi uno spazio nel calcio che conta, che hanno, alla fine dei conti, dimostrato anche più esperienza e malizia rispetto ai biancoscudati. I play-off estivi sono già finiti, tutti in vacanza adesso, poi si ripartirà con il secondo anno del famoso progetto triennale. Speriamo migliore del primo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy