Nella finale di Champions c’è un po’ di Veneto: dirige Orsato di Schio

La Coppa dalle grandi orecchie sarà anche un affare veneto. Toccherà a Daniele Orsato di Schio dirigere domenica la finale di Champions League tra Paris Saint Germain e Bayern Monaco.
Orsato, arbitro internazionale dal 2010, dirigerà la sua prima grande finale Uefa dopo essere stato incaricato di dirigere 8 partite di Uefa Champions League in questa stagione, inclusa l’andata degli ottavi di finale tra Real Madrid e Manchester City a febbraio, poco prima che il Covid-19 facesse irruzione nella vita di tutti. Orsato ha anche arbitrato un quarto di finale nell’attuale fase finale di Uefa Europa League che si gioca in Germania, mentre la scorsa stagione è stato il quarto uomo per la finale di Uefa Europa League tra Chelsea e Arsenal.
Domenica alle 21, all’Estadio da Luz (stadio della luce) di Lisbona, nella finale più strana di sempre, senza pubblico, le luci saranno puntate non soltanto su Neymar e Lewandowski, ma anche sull’arbitro italiano più famoso che vive a Recoaro in contrada Parlati e corona un altro grande sogno, dirigere l’ultimo atto della più importante competizione europea.
Orsato debuttò in Champions il 17 dicembre 2012 quando il “fischietto” della sezione di Schio fu chiamato a dirigere, a Zagabria, Dinamo-Porto.

Spezia in serie A, il patron Volpi lascia?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy