Bologna, Mihajlovic dal pullman ridicolizza i tifosi. La risposta in uno striscione

di Redazione PadovaSport.TV

Hanno fatto discutere le frasi pronunciate dall’allenatore del Bologna Sinisa Mihajlovic dall’interno del pullman, circondato dai tifosi. A fare arrabbiare i tifosi sono i commenti che si sentono nel video: “Guarda questo, avrà novant’anni, il capo dei tifosi”, e ancora “Quello si è tatuato tutta la faccia”, “Sembra che dobbiamo giocare per vincere campionato”. Battute che non hanno fatto felici i tifosi che avevano voluto far sentire la loro vicinanza alla squadra. Sui social, le critiche più accese sono arrivate nei confronti dell’allenatore. Oggi è apparso uno striscione sulla recinzione del Dall’Ara, firmato da tre gruppi organizzati (Mai domi, Settore ostile e Quartiere Santo Stefano), in esplicita risposta ad alcuni dei commenti registrati nel video. Sabato sera il club si era scusato con i tifosi con una nota, ma evidentemente non è stato sufficiente a ricucire lo strappo con una parte della tifoseria organizzata. “Noi ultras vecchi e tatuati – recita lo striscione -, ma del Bfc veramente innamorati / Voi ingrati e supponenti, un pullman di pezzenti”.

Le scuse del Bologna

“Ci dispiace molto che alcune frasi contenute in un altro video girato sul pullman e non destinato alla pubblicazione, dette scherzosamente e senza alcuna intenzione offensiva anche per stemperare la tensione del prepartita, abbiano suscitato il risentimento di molti tifosi”. Così in una nota il Bologna, scusandosi così con i tifosi del Bologna per qualche commento a mo’ di sfottò del tecnico rossoblù Sinisa Mihajlovic. “Ci teniamo quindi a ribadire la nostra gratitudine a tutti coloro che hanno sfidato freddo e neve per venire ad incitare la squadra senza nemmeno poter assistere alla partita”, termina il comunicato del club emiliano.

Il caso Capello e Cappelletti: le risate dopo una dura contestazione che fecero arrabbiare i tifosi del Padova

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy