Dopo Verona-Chievo torna un derby veronese: quello di stasera è il primo di sempre in serie C

di Redazione PadovaSport.TV
Virtus Verona Gigi Fresco

La sfida di questa sera al Gavagnin tra Virtus Verona e Legnago è il primo derby della storia fra due squadre veronesi in C (considerata anche le vecchie serie C1 e C2). L’atteso evento del Gavagnin-Nocini si piazza quindi per importanza solo dopo la stracittadina Verona-Chievo, che ha visto la sua prima edizione in B nel ’94-’95 (10 dicembre 1994) in anticipo serale al Bentegodi, fra

Il primo derby veronese

l’Hellas di Lino Mutti e la matricola Chievo di Alberto Malesani neopromossa in serie B. Nell’ultimo decennio ad andare vicino al derby in Lego Pro sono state la Sambonifacese e la stessa Virtus, che però non si sono mai incrociate. «Abbiamo il vantaggio dell’età e lo svantaggio di dover correre più degli altri, specie a certi livelli – dice l’allenatore del già sorprendente Legnago Massimo Bagatti, applicabile anche stasera, perché l’ex Gasperi è out dopo un duro contrasto col Ravenna e Bulevardi una partita intera nelle gambe ancora non ce l’ha. Il Legnago dovrebbe essere lo stesso di domenica, per il turnover se ne riparlerà per la prossima fra quattro giorni al Sandrini con la Triestina. “Mi aspetto un Legnago organizzato, di grande atletismo – dice Gigi Fresco, tuttofare della Virtus – È una squadra che corre molto e bene. Il piano gara? Non cambia: l’impostazione rimane quella, il 4-3-3. Poi è il campo a consigliare aggiustamenti».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy