Sambenedettese, giocatori vicini alla messa in mora del club. Duro comunicato di Serafino

di Redazione PadovaSport.TV
Domenico Serafino Sambenedettese

“Ad oggi tutte le trasferte, i pranzi e i tamponi sono sempre stati pagati dalla SS Sambenedettese e da nessun altro. E anche la trasferta di oggi di Legnago non sarà pagata da nessuno che non sia la società”. Così la Sambenedettese, attraverso un comunicato, ha voluto fare chiarezza sulla situazione complicata che sta vivendo il club. In questo momento – continua la nota pubblicata sul sito della società – vi chiediamo di non alimentare tensioni raccontando o scrivendo ulteriori dettagli non veritieri che fanno solo male a chi si prodiga ogni giorno per portare avanti il club”.

Intanto si complica sempre di più la situazione della Sambenedettese, alle prese con crediti da corrispondere a fornitori e gli stipendi di novembre, dicembre, gennaio e febbraio ancora da pagare. La pazienza della squadra sta per finire e le voci di una trattativa in salita per la cessione del pacchetto azionario da Serafino a Kim Dae Jung non fanno che esasperare un momento delicato. Lunedì dovrebbe scattare la messa in mora, col club che, a quel punto, avrebbe 20 giorni per ottemperare ai pagamenti dei tesserati. Il rischio concreto è quello di uno svincolo anticipato. Tutto questo quando la penalizzazione di cinque punti incombe.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy