Serie B

Monza e Parma flop, non basta spendere: bisogna avere anche idee. Il punto di Binda

Monza e Parma flop, non basta spendere: bisogna avere anche idee. Il punto di Binda

Bolidi che viaggiano in seconda e milioni di euro spesi per cercare di stravincere il campionato. Maresca e Stroppa sotto osservazione

Redazione PadovaSport.TV

Erano le squadre più attese, quelle con i voti più alti dopo il mercato estivo. Adesso Monza e Parma devono fare i conti con una classifica imbarazzante. C'è ovviamente tanto tempo per rimediare, ma urge qualche riflessione, come scrive il giornalista Nicola Binda oggi sulla Gazzetta dello Sport. 

Una falsa partenza e le due proprietà faticherebbero a digerire un altro anno in B. Dunque, cosa non va? Il Parma ricorda proprio il Monza della stagione scorsa, una squadra forte ma che non parla la lingua della B. Una lezione che il Monza ha imparato allestendo una rosa ad hoc, ma che lamenta una carenza clamorosa in attacco. La squadra di Stroppa ha fatto soli 7 gol: solo il Pordenone ne ha meno. Non si può dire che al Parma vada meglio: di gol ne ha fatti 12, ma senza i 4 proprio col Pordenone sarebbe al minimo sindacale. E siccome i gol sono lo sviluppo del gioco, la critica principale va ai due allenatori che non sono riusciti a sviluppare le loro idee. Stroppa e Maresca sono alla prima stagione in questi club, ma un rodaggio di 8 giornate è abbondante. Occorre un colpo di genio, un’idea, una chiave per mettere in moto i motori. Hanno in mano due bolidi ma li stanno facendo viaggiare in seconda. In B non ci sono limiti di velocità.

 Nicola Binda, giornalista della Gazzetta dello Sport esperto di serie B

 

tutte le notizie di