Doppio stop per le padovane

L’Este abdica in casa alla Sacilese, il San Paolo torna a mani vuote da Cerea

di Redazione PadovaSport.TV

ESTE-SACILESE 0-2

ESTE: Baldan, Meneghello, Di Fusco, Tessari, Zompa, Aliberti, Raffaelli, Rubbo, Barichello (5’ st Gusella), Baido (18’ st Sottovia), Brotto (38’ st South). A disp: Zilio, Migliorini, Mario, Michelotto. Allenatore: Zattarin.

SACILESE: Bazzicchetto, Grazzolo, Tonetto, Grion (38’ st Rigutto), Niccolini, Beghin, Dionisi, Favret, Dall’Acqua, Nicoletti (12’ st Furlan), Tocchetto (45’ st Mehmeti). A disp: Cont Zanotti, Rossi, Bellè, Adriano. Allenatore: Parlato.

ARBITRO: Pasciuta di Agrigento (Pizzolongo, Carotenuto).

MARCATORI: 7’ st Dall’Acqua (S), 14’ st Furlan (S).

NOTE: Espulsi Raffaelli (E) al 1’ st, Aliberti (E) al 31’ st, mister Zattarin (E) al 45’ st. Ammoniti Raffaelli, Baido, Tessari, Aliberti, Gusella (E), Dionisi, Favret, Nicoletti, Tocchetto, Grion, Furlan (S). Spettatori 400 circa.

Va alla Sacilese il match tra le deluse di questo primo scorcio di stagione. Gli uomini di Parlato si dimostrano più volitivi e pur senza impressionare particolarmente, portano a casa tre punti importantissimi che consacrano l’undici friulano come squadra da trasferta, sancendo invece ufficialmente la crisi dei padroni di casa, oggi privi di Thomassen, Turetta e Aliu.

L’avvio scoppiettante del primo tempo lasciava presagire un match ad alta intensità, pronostico invece poi ampiamente disatteso. Già al 2’ il portiere ospite era costretto ad accartocciarsi a terra per bloccare un colpo di testa di Raffaelli. Erano però i friulani a rendersi più pericolosi, col colpo di testa di Dall’Acqua sugli sviluppi di un corner al 6’, a lato di poco, il tiro a incrociare di Tocchetto al 12’, di poco sopra la traversa così come quello di Favret dal limite al 19’.

Nel mezzo, una discesa travolgente di Barichello, fermato in extremis da un difensore e da lì in poi un gioco noioso e prevedibile da ambo le parti, con l’arbitro che perde il controllo della situazione e mette ripetutamente il fischietto alla bocca, distribuendo alla fine 13 ammonizioni ed espellendo Raffaelli dopo pochi secondi della ripresa, capitan Aliberti a un quarto d’ora dalla fine e mister Zattarin nel recupero.

L’inferiorità numerica e le solite disattenzioni difensive dei padroni di casa spianano la strada ai pordenonesi, che al 7’ approfittano di un pasticcio tra l’estremo Baldan e Zompa per passare in vantaggio con Dall’Acqua, il quale appostato fuori area scavalca tutti con un pallonetto e insacca.

Per il raddoppio bisogna attendere il 14’, quando un angolo battuto male dagli atestini innesca il contropiede ospite, con Furlan che in diagonale beffa ancora Baldan, il quale si fa passare la sfera sotto il corpo.

Ridotti in doppia inferiorità numerica, i padovani non riescono ad imbastire la minima reazione e collezionano così la terza sconfitta in quattro gare, risultato che li fa precipitare nelle parti basse della graduatoria, mettendo a rischio la solidità della panchina di mister Zattarin.

Torna a casa a mani vuote anche il San Paolo, sconfitto per 2-1 a Cerea. Agli uomini di Fonti non basta la rete di Viola per allungare a sette la scia di risultati utili.

Filippini e Molinari lanciano infatti il “piccolo toro” in zona playoff, coi gialloblù che rimangono invece a metà di una classifica comunque cortissima, a quota 14 punti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy