Per l’Este un punto di speranza

I giallorossi fermano sullo 0-0 il Pordenone in una gara comunque divertente.

di Redazione PadovaSport.TV

ESTE-PORDENONE 0-0

ESTE: Trivellato, Raffaelli, Gusella, Tessari, Zompa, Meneghello, Mario, Rubbo, Brotto, Turetta (29’ st Baido), Iarrusso (32’ st Zecchinato). A disp: Baldan, Colletta, Spazian, Migliorini, Berno. Allenatore: Zattarin.

PORDENONE: Bortolin, Sartori, Cauz, Nastri, Zlogar, Zamuner (29’ st Iuri), Lavagnoli (19’ st Lestani), Segato, Zubin, Sessolo, Bounafaa (29’ st Lucchini). A disp: Truant, Sambo, Casella, Zilli. Allenatore: Rossitto.

ARBITRO: Mancini di Fermo (Ruggieri, D’Alonzo).

NOTE: Espulso al 49’ st Segato (P) per doppia ammonizione. Ammoniti: Sessolo, Sartori, Lavagnoli (P), Raffaelli, Trivellato (E). Spettatori 300 circa.

Poteva finire con una pioggia di gol – considerato anche il clima decisamente umido – invece ne è venuto fuori uno 0-0 comunque spettacolare, che alla fine sta forse meglio ai padroni di casa visto come (non) si sono mosse le acque nei bassifondi, mentre la vetta è ora più distante di una tacca per gli ospiti, distanziati di 4 lunghezze dalla neocapolista Porto Tolle.

Molto tattico e con poche (ma buone) occasioni il primo tempo, nel quale il primo sussulto porta la firma di Brotto che sul cross di Turetta vede la propria testata stamparsi sulla traversa al 24’. I friulani provano a rispondere 5’ dopo ma sul centro di Lavagnoli sia Zubin che Sessolo non riescono ad arrivare all’appuntamento con la deviazione vincente. L’ultimo brivido lo provoca Segato quando mancano pochi istanti all’intervallo, scagliando una sassata su punizione da 25 metri sulla quale Trivellato compie il primo intervento decisivo di giornata.

Molto più vivace la ripresa, equamente divisa a metà quanto a predominio territoriale e occasioni. Se dopo 5’ Turetta è costretto a respingere sulla linea la deviazione aerea di Cauz su corner di Lavagnoli, al 9’ è Iarrusso a vedersi fermato in extremis quando tra l’ex Rosignano e il gol era rimasto solo il portiere neroverde. Il numero 11 giallorosso deve mordersi le mani anche al 25’, quando approfitta di un pasticcio della retroguardia ospite per poi calibrare male la traiettoria del pallonetto a porta incustodita. Passa un giro di lancette e Bortolin deve deviare in corner un diagonale di Mario, imitato al 35’ dal pari ruolo Trivellato su conclusione dell’ex Sessolo.

Gli ultimi 10’ sono quindi di chiara marca ospite: Lestani ha una doppia occasione al 38’ ma la palla non vuole saperne di entrare, poi al 41’ ci prova anche Sartori ma Trivellato si supera. L’assedio potrebbe essere spezzato e spazzato via da Mario ma il giovane centrocampista calcia a lato dopo una sgroppata solitaria in contropiede. L’ennesima ghiotta occasione non sfruttata in questa stagione potrebbe essere punita in pieno recupero dalla coppia di ex Lucchini-Sessolo ma sul bolide del capitano pordenonese è ancora bravo Trivellato a distendersi e deviare in corner.

L’Este guadagna così un punticino di vantaggio sulla zona playout, che comunque continua ad incombere a 2 passi di distanza. E con la prospettiva di una trasferta improba a San Donà dopo Pasqua, cui seguiranno il derby, l’altro viaggio infernale a San Bonifacio e due scontri diretti con Tamai e Giorgione, c’è poco da star tranquilli.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy