San Paolo ed Este in cerca di conferme

I gialloblù riaprono l’Appiani per ospitare la Vecomp, atestini a Trissino.

di Redazione PadovaSport.TV

Ringalluzzite dalle vittorie scaccia crisi ottenute la scorsa settimana, San Paolo ed Este affrontano domani la trentaduesima giornata del girone C con rinnovato entusiasmo e con la consapevolezza che portare a casa punti nelle prossime 3-4 gare in programma significherebbe archiviare in anticipo il discorso salvezza, obiettivo di entrambe a questo punto della stagione.

Potrà godere di un palcoscenico di prestigio (e di un terreno migliore rispetto a quello usualmente offerto dal “Plebiscito”) uno dei match più interessanti di questa domenica, quello tra San Paolo e Virtus Vecomp, che si disputerà al mitico “Appiani” (arbitro D’Annibale di Marsala), già “casa” dei patavini in occasione di qualche incontro di Coppa Italia.

I veronesi del patron-allenatore Gigi Fresco inseguono la capolista Sambonifacese a due lunghezze di distanza, vengono dal trionfo nel derby col Legnago e in trasferta hanno finora raccolto 8 vittorie, 4 pareggi e 3 sole sconfitte: un cliente quindi molto ostico anche per un team come il San Paolo che grazie ai provvidenziali successi colti contro Belluno e Quinto ha posto fine al periodo buio, rilanciandosi in classifica e dal punto di vista psicologico.

«I sei punti conquistati tra domenica e mercoledì ci danno fiducia nell’affrontare questo finale di campionato in cui nessuno regalerà nulla – analizza mister Fonti – Dovremo dare il massimo per proseguire il nostro trend, siamo carichi e stiamo bene anche fisicamente. La Virtus ha un collettivo importante, fatto di giovani che hanno fatto esperienza e portano avanti un progetto iniziato lo scorso anno ma non dobbiamo avere paura. Adesso siamo noi che facciamo paura a tanti».

Per quanto attiene alle formazioni, tra le fila patavine mancherà il bomber Volpato, che non potrà vestire i panni dell’ex in quanto squalificato.

Il pari a Legnago e i tre punti colti all’ultimissimo secondo col Montebelluna hanno regalato una boccata d’aria fresca anche a un Este che è stato nuovamente scavalcato in classifica dai cugini di città e rispetto a loro ha anche un calendario più impegnativo da qui alla fine del torneo. Gli esami cominceranno già domani, con la truppa di Zattarin che renderà visita a un Trissino ormai tranquillo e per questo ancora più insidioso (arbitro Scatigna di Taranto).

Troppo lontani dai playoff e con un margine confortante sui playout, i berici di Renica non hanno più nulla da chiedere al torneo e possono comunque considerarsi soddisfatti per il risultato ottenuto da neopromossi in categoria. Dell’appagamento biancorosso sperano di approfittare i giallorossi, cui tutto sommato potrebbe bastare anche un punticino, sebbene il vantaggio sulle inseguitrici non sia ancora così cospicuo da permettere di dormire sonni tranquilli.

Le altre partite della tredicesima di ritorno: Porto Tolle-Union Quinto, Giorgione-Belluno, Legnago-Kras Repen, Montebelluna-Sacilese, Pordenone-Clodiense, Sambonifacese-Sanvitese, San Donà-Real Vicenza, Tamai-Cerea.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy