Ex calciatori, Hübner ricorda: “In ritiro bevevo grappa. Una volta la diedi a Gheddafi e…”

di Redazione PadovaSport.TV

In tanti lo ricordano per i suoi gol con le maglie di Brescia, Piacenza e tante altre. Dario Hübner, storico ex bomber, ha avuto anche tanti altri vizi nel corso della sua carriera. Lo ha raccontato lui stesso in una recente intervista a Quotidiano.net: “Ogni tanto nei ritiri bevevo la grappa”, ha raccontato l’attaccante.

E proprio su quel vizio: “Una volta mi si avvicinò Saadi Gheddafi pensando che la grappa fosse caffè: gliela feci assaggiare e apprezzò. Quando giocavamo vicino a Trieste, mio padre veniva a portarmi stecche di sigarette e grappa fatta in casa. Così a Udine regalai una bottiglia molto forte a Saadi. Il martedì era in ritardo all’allenamento. Mi chiesi se gli avesse fatto male la mia grappa. Poco dopo entrò in spogliatoio: ‘Mister Hubner, very good, grazie!’”. E sul vizio del fumo, Hübner ha ammesso: “Fumavo almeno 20-25 Marlboro al giorno alla luce del sole. Mai nessun allenatore ha provato a farmi smettere, a loro importava che mi impegnassi in campo. Facevo tanto sport e una vita regolare: questo mi ha salvato. Da maggio fumo solo le sigarette elettroniche”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy