Morte Bergamin, Bonetto: “Ho condiviso al suo fianco i migliori anni della mia vita. E quella frase durante Padova-Belluno…”

Morte Bergamin, Bonetto: “Ho condiviso al suo fianco i migliori anni della mia vita. E quella frase durante Padova-Belluno…”

di Redazione PadovaSport.TV

Nel mondo del Calcio Padova c’è chi ieri ha vissuto in modo particolarmente doloroso la scomparsa di Giuseppe Bergamin. Aveva condiviso con lui il momento della rinascita del club, motivo per cui Roberto Bonetto era particolarmente legato al suo ex socio, nonostante qualche diverbio nella gestione del club: «Ho condiviso al suo fianco i migliori anni della mia vita – ha detto Bonetto, intervistato dai quotidiani locali – Bepi era un uomo buono, davvero buono. Sempre sereno, il suo carattere faceva da contraltare al mio, molto più fumantino. Sono qui che piango, ho parlato anche con Giovanna. Mi restano poche lacrime. Un aneddoto? Primo anno di serie D, in occasione della partita all’Euganeo con il Belluno, la prima sfida importante con la squadra di un’altra città che era nelle posizioni di vertice: allo stadio c’era una coreografia bellissima della Fattori e della tribuna Est con più di seimila spettatori. Bepi mi guardò con il suo sorriso e la mezza sigaretta in bocca e mi disse: “Però, abbiamo fatto qualcosa di grande”. Gli risposi “Eh sì, Bepi. Abbiamo fatto qualcosa di grande e l’importante è che continui”. Era un momento nel quale eravamo felici perché vedevamo realizzare un sogno».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy