Nuovo ACB, la lettera di Mario Merighi: “Dopo oltre 72 anni di Padova dico: stiamo uniti!”

di Redazione PadovaSport.TV

Dopo il comunicato dell’ACB, ecco anche una lettera di Mario Merighi a cercare di mettere un po’ di acqua sul fuoco delle polemiche nate in queste ore:

Un saluto a tutti i biancoscudati veri! Sono Mario Merighi, Mario per gli amici e volevo condividere con voi la mia gioia per poter contribuire, anche se soltanto con il mio nome in questo difficile momento, al risveglio del tifo per il nostro amato Padova.

Sono stato vice presidente per ventanni dellassociazione Nazionale dei Supporters Nazionali del tifo calcistico con lamico Presidente Ciminaghi. Durante la mia attività sul campo di tifoso doc ho girato tuttItalia rappresentando il biancoscudo e ho fondato il giornalino che tuttora distribuiscono allo stadio nonché quello nazionale Supporters. 

Quando Gianfranco Borsatti del club “Padova nel cuore” e Giancarlo Agostini presidente “AVIS Biancoscudato” mi hanno avvisato che la dirigenza dellAICB, di cui sono fondatore, insieme ai cari amici di sempre Giorgio Ferretti e Antonio Pastore e molti altri hanno proposto di dedicare a me la casa dei Tifosi, mi sono commosso e non sono riuscito a trattenere le lacrime dalla gioia. E devo purtroppo dire che di gioie negli ultimi anni ne ho avute poche.

Ma ho un ricordo particolare che custodisco nel mio cuore, quando un giorno mi sono recato allo stadio e ho fatto una tappa dai Tosi, per il solito saluto pre partita ed ad un tratto si sono avvicinati dei ragazzi, oggi tutti validi professionisti e padri di famiglia, e hanno incominciato ad esclamare “siamo tutti figli di Merighi” ricordando quando mi recavo in questura a firmare per farli uscire dal fermo, in quanto dichiaravano di essere tutti miei figli.

Se ci penso mi viene da sorridere nel pensare che sono passati oltre 72 anni dalla mia prima partita quando mi sono innamorato del Padova. Mi accompagnava mio fratello Giorgio che da poco ci ha lasciato, era il 1948 e si trattava di  Padova vs Prato finita con una sonora vittoria per 4 a 2.

Quando il Presidente Polazzi invitó tutti i tifosi Padovani di non comperare più la Gazzetta dello sport, in quanto scriveva che il Padova era una squadra di catenacciari, i metallurgici del calcio, personalmente fino ad oggi non ho più acquistato la gazzetta in segno di protesta.

Ringrazio Voi tutti per esserVi ricordati ancora di me, questa pandemia momentaneamente ci ha separati, ma sono sicuro che ci rivedremo molto presto.

Stiamo uniti e Forza Padovaaaaaaa!!

Il vostro Mario

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy