Palermo, la mafia mediava negli scontri tra ultrà: 20 arresti

di Redazione PadovaSport.TV

La mano dei boss di Cosa nostra per mediare negli scontri tra gli ultrà del Palermo. E’ quanto emerge dalle carte dell’operazione “Resilienza”, che ieri, a Palermo, ha portato all’arresto di 20 persone del mandamento di Porta Nuova e in particolare della famiglia di Borgo Vecchio. Dalle indagini viene fuori il nome di Jari Massimiliano Ingarao (uno dei 20 arrestati) come punto di riferimento dei capi ultrà. È Ingarao la figura chiamata per dirimere le liti tra i gruppi e mantenere l’ordine al Barbera. Da questa attività non c’era un guadagno in termini di denaro da parte dei boss, ma in termini di controllo del territorio. E sono tanti gli episodi in cui c’è stato bisogno della mano dei boss per mediare tra le questioni che negli anni sono sorte tra i gruppi capeggiati da Johnny Giordano (Palermo 1900), Fabrizio Rosario Lupo e Saverio Bevilacqua (Curva Nord 12) e Pasquale Minardi (Curva Nord Inferiore).

Gli episodi

Si va dal taglio dei biglietti omaggio negli ultimi anni dell’era Zamparini ad alcuni fatti durante l’ultima stagione in D. Come il furto di sciarpe e bandiere subito durante la trasferta di Nola dal gruppo di Giordano da parte di alcuni tifosi di casa o la rissa di Palmi tra i tifosi del Palermo, che rappresenta il punto più alto della tensione. Una tensione che stava per sfociare con una resa dei conti al Politeama, saltata solo per l’intervento dei carabinieri. È qui che intervengono ancora i boss per riportare a una tregua prima del derby col Messina, che dura ancora fino a oggi. Su tutta questa vicenda gli investigatori sottolineano l’estraneità della società rosanero. I boss non avevano rapporti con il club, che ieri ha inviato una nota, nella quale viene «condannata duramente ed incontrovertibilmente ogni condotta criminale, anche e ancor più dove collegata allo stadio Barbera e alle attività della squadra. Per tale motivo, la società ha già dato mandato ai propri legali di valutare la costituzione di parte civile ed ogni utile iniziativa in tutte le sedi opportune». (Da GdS edizione Sicilia)

Leggi anche > Il Livorno verso la fine

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy