Serie C, l’avvocato Chiacchio: “Ho consigliato alle società che assisto di mettere in ferie i giocatori. Escludo la cassa integrazione”

Serie C, l’avvocato Chiacchio: “Ho consigliato alle società che assisto di mettere in ferie i giocatori. Escludo la cassa integrazione”

di Redazione PadovaSport.TV

“Le società che dovessero essere deferite per non aver pagato gli stipendi, potranno eventualmente invocare il principio di forza maggiore. Ma bisogna vedere quante non hanno pagato: se la maggior parte paga, è più difficile invocare quel principio”. A parlare è l’avvocato Eduardo Chiacchio, ex calciatore e legale di molte società, interpellato da Gianlucadimarzio.com. C’è il rischio che di fronte a una mancata prestazione, le società possano invocare il diritto a non corrispondere gli stipendi (vedi caso Catania). Come uscirne? In serie C al momento c’è un accordo sindacale tra Lega Pro e Associazione calciatori che prevede le ferie degli atleti per questo periodo. L’accordo vale fino al 20 marzo. “Io stesso ho consigliato le società che assisto di mettere in ferie i calciatori. Si può prorogare il periodo attualmente previsto. Ancora siamo pienamente nei tempi delle 4 settimane previste dal contratto collettivo. Presumibilmente a giugno, quando solitamente i calciatori si sono sempre trovati in vacanza, saremo nel pieno dell’attività agonistica”.  L’avvocato Chiacchio non esclude che si possa sforare la fatidica data del 30 giugno. Quella, per intendersi, che segna il termine della stagione sportiva. “In un momento eccezionale si deve operare con norme eccezionali. Non è mai successo che si prolungasse un contratto, ma certamente un’ipotesi può essere anche l’estensione del contratto dei calciatori oltre il termine previsto. Adesso si naviga a vista, né nelle NOIF, né negli accordi collettivi è prevista la situazione attuale. È tutto nuovo, tutto ipotizzabile”. Tutto possibile, tranne – a detta dell’avvocato – la paventata cassa integrazione per i calciatori della Serie C. Un’ipotesi cui ha fatto cenno il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli. “Mi sento di escludere la possibilità della cassa integrazione cui ha fatto accenno il presidente Ghirelli. È di difficile attuazione, bisognerebbe andare su base regionale, vedere caso per caso. La cassa integrazione prevede una riduzione dello stipendio che i calciatori potrebbero rifiutare”.  La lunghezza della procedura e la difficoltà per i club di accedervi lasciano credere che sia difficile ipotizzare il pallone in cassa integrazione. Non resta quindi che aspettare, anche perché come dice l’avvocato Chiacchio “In Campania al momento è vietata anche la corsa all’aperto. L’attività atletica può essere espletata quindi solo in sede privata, non in sede pubblica. Le società, fino al 25 marzo, non possono neanche aprire gli stadi. Il calciatore che ha un giardino, può allenarsi lì”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy