Südtirol-Perugia, al Druso Vecchi cerca il colpaccio: “Affrontiamo la più forte, di solito non sbagliamo l’approccio alla gara”

di Redazione PadovaSport.TV

Consolidare il primato, tenendo a distanza ancora superiore una pericolosa concorrente per la promozione in B, dimostrando una volta di piú di essere una grande squadra: tutto questo l’Alto Adige lo cerca oggi pomeriggio al Druso (inizio ore 15) contro il Perugia nel big match del tredicesimo turno di campionato. Gli umbri, infatti – in serie positiva da otto giornate – inseguono al quarto posto a tre lunghezze dai biancorossi. La formazione di Vecchi, che da domenica scorsa, dopo il successo contro il Modena e la sconfitta del Padova, è tornata a guidare la classifica, è in un ottimo momento, viene da tre successi di fila e ha dimostrato, soprattutto nell’ultimo match, la capacità di reagire a situazioni difficili, di essere solida dietro, e di riuscire a concretizzare molto di più sottoporta rispetto al recente passato. Quello di oggi pomeriggio è un altro esame di maturità per i biancorossi che in caso di successo vedrebbero aumentare considerevolmente autostima e fiducia nei propri mezzi, oltre a lanciare un chiaro messaggio alle avversarie. Di sicuro quella che si troveranno di fronte è una squadra che tutti danno come la grande favorita per la serie B, che i Grifoni, quarti della classe a tre punti da Casiraghi e compagni, hanno salutato l’estate scorsa dopo aver perso i playout contro il Pescara: la formazione umbra non vince da due partite dove ha raccolto due pareggi senza reti.

“Di sicuro il Perugia a livello d’organico è la squadra più forte del campionato e assieme a Padova e Triestina è una delle tre formazioni che hanno investito di più e vantano le ambizioni più alte, noi vogliamo metterli in difficoltà come abbiamo sempre fatto” ha detto ieri, alla vigilia, l’allenatore degli altoatesini Stefano Vecchi. Di solito noi non sbagliamo l’approccio alla gara”.

Dal Corriere dell’Alto Adige
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy