Padova-Carpi 4-2: Lazarevic strappa applausi, Cutolo strabilia, il Padova stacca il biglietto per Bologna

Cronaca in tempo reale. Premi F5 per aggiornare

di Redazione PadovaSport.TV

PADOVA   4

CARPI        2

PADOVA (4-3-3): Pelizzoli; Donati, Schiavi, Legati, Renzetti; Bovo, Milanetto (30’st Italiano), Marcolini; Cutolo, Ruopolo (25’st Hallenius), Lazarevic (21’st Drame).

A disp.: Perin, Portin, Franco, Italiano, Cuffa, .

All.: Dal Canto

CARPI (4-2-3-1): Mandrelli; Laurini, Cioffi, De Paola, Lo Russo; Memushaj, Perini (30′ Cortesi); Concas, Pietribiasi (9’st Sogus), Kabine (25’st Potenza); Cesca.

A disp.: Bastianoni, Poli, Di Gaudio, Cortesi, Calamai.

All.: Maddaloni

Arbitro: Piero Giacomelli di Trieste

Note: Assente Osuji, non è nemmeno in tribuna

Reti: 13’pt Legati, 26’pt Lazarevic, 27’pt Memushaj, 28’pt Cutolo, 3’st Concas 41’st Cutolo

Al primo minuto subito occasionissima per il Padova con Cutolo che salta il portiere e si invola verso la porta, ma a ridosso dell’area piccola spreca calciando alto. Al 5′ risponde il Carpi con Concas, la palla finisce in corner e Cioffi ci prova di testa ma si scontra con Ruopolo e rimediano entrambi una botta al capo. Non sta certo a guardare il Padova che attacca con Cutolo prima e con Lazarevic poi.

Stranamente silenzioso il pubblico dell’Euganeo. Presenti 2214  spettatori ma la Tribuna Fattori è surreale, tutti seduti e nessun coro.

Al 13′ arriva il vantaggio biancoscudato con Legati che calcia a rete sugli sviluppi di un corner di Lazarevic.

Al 23′ bella giocata di Lazarevic che smarcatosi degli avversari, si accentra e sgancia un destro potente e preciso che però Mandrelli riesce ad intercettare. 

Al 26′ Lazarevic trova il meritato raddoppio, applauditissimo dai tifosi biancoscudati, già pazzi di lui.

Al 27′ la risposta del Carpi con Memushaj che accorcia le distanze. 2-1

Non passa neanche un giro di lancetta e sul capovolgimento di fronte il Padova sigla il 3-1 con uno splendido gol di Cutolo: cross per il napoletano che al volo buca la rete con un pallonetto strappa-applausi. Al 34′ Ruopolo defilato sulla sinistra cerca l’angolino sotto l’incrocio ma l’angolazione è troppo ampia. Buona prova fin qui della punta campana, modenese di adozione, che è cresciuto calcisticamente nelle giovanili del Carpi dove esordì all’età di 14 anni.

 La ripresa parte male per il Padova che con la partita in mano vede il Carpi avvicinarsi e accorciare ancora le distanze: Concas infatti mette a segno il 3-2. Il Carpi non ci sta proprio a perdere e insiste nel dare lavoro a Pelizzoli. Soffre la difesa del Padova che risente non poco delle incursioni modenesi, sempre più frequenti.

Al 22′ Dal Canto effettua il primo cambio: fuori un convincente, ma un po’ stanco Lazarevic, dentro il gioane Drame.

Intanto si scalda Italiano e al 30′, nel momento del suo avvicinamento alla panchina per il cambio i tifosi lo incitano e lo applaudono, per poi osannarlo al momento del suo ingresso in campo. Al 34′ punizione per il Padova da circa 30 metri, batte Marcolini ma la palla, destinata all’incrocio, finisce di poco fuori.

 Al 41′, su assist di Italiano, Cutolo fa il bis e sigla il poker patavino. Applausi scroscianti per l’assist-man capitano, amatissimo dal popolo scudato.

Finisce 4-2 per i biancoscudati, che domenica 21 a Bologna incontreranno gli ex Crespo, Vantaggiato e Agliardi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy