Padova-Reggina, le pagelle

di Redazione PadovaSport.TV

Pelizzoli 7: Efficace tra i pali, anche con i pugni (vedi conclusione di Bonazzoli). Puntuale nelle uscite.

Donati 6: Soffre la velocità e la tecnica di Campagnacci che spesso si allarga e cerca di sfondare dalla sua parte. Ma alla fine non commette grossi errori e si salva.

Legati 6,5: Come contro la Samp, sfoggia grande sicurezza. Nel finale salva la retroguardia con un paio di interventi provvidenziali

Schiavi 6: Fa il compitino, ma ogni tanto sbanda.

Renzetti 6: Un po’ più timoroso del solito, non spinge e non offre il consueto appoggio in termini di cross.

Bovo sv: Infortunio lampo, lascia il posto (un po’ a sorpresa) a Cuffa.

(19’pt Cuffa) 6: Ci mette grinta sui palloni e con i compagni. Riprende spesso Drame invitandolo a giocare con meno foga (specie negli ultimi minuti).

Milanetto 6: Un po’ meno convincente rispetto alla partita con la Samp, a volte temporeggia troppo. La sua esperienza però è fondamentale: nei minuti di recupero, con la squadra in leggero affanno, tocca la palla con la tranquillità di chi sa di avere sempre tutto sotto controllo.

Marcolini 6,5: Un passo avanti rispetto alla prima di campionato: lanci in profondità, grande saggezza nello smistare i palloni e una certa dose di cattiveria nei contrasti. Dimostra di poter coprire senza problemi anche il ruolo di regista, se ce ne sarà bisogno…

(Osuji sv): Pochi scampoli di partita. Dal Canto ancora gli preferisce Bovo e Cuffa. Mah…

Cutolo 5,5: Il rigore tirato alle stelle lo scoraggia un po’. Qualche cosa buona, ma lontano dal giocatore che Padova ha già potuto ammirare.

Ruopolo 6: Grande impegno, un po’ meno convincente rispetto alla partita con la Samp. Sbaglia un gol facile.

(Cacia sv): Passaggio di consegne a ripresa inoltrata con Ruopolo. Sarà l’attaccante calabrese d’ora in avanti a fare il centravanti. Da lui però ci si aspettano i gol. Tanti.

Drame 7: Fatalità anche il piccolo Ousmane segna il primo gol proprio contro la Reggina. Successe anche a El Shaarawy… chissà che tra i due, nel corse della stagione, ci siano altre affinità. Dal Canto ha già ammesso di considerarlo alla pari con Lazarevic. E’ già un grande complimento per il 19enne.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy