Serie B

Cittadella, Redigolo: “Siamo pronti, solo il Covid può metterci il bastone tra le ruote”

Cittadella, Redigolo: “Siamo pronti, solo il Covid può metterci il bastone tra le ruote” - immagine 1

Il punto del preparatore atletico granata, aspettando la prima partita del 2022 (si giocherà contro il Cosenza?)

Redazione PadovaSport.TV

Sabato il Cittadella dovrebbe scendere in campo al Tombolato contro il Cosenza per chiudere il girone d’andata e inaugurare il 2022. Nel Cosenza però si è creato un focolaio all’interno della squadra calabrese. Nell’ultimo screening eseguito, sono risultati positivi al Covid altri quattro calciatori e quattro elementi dello staff per un totale di 21 persone. I calciatori ad ora positivi dovrebbero essere 13, perciò la società rossoblù ha sospeso momentaneamente gli allenamenti. Le condizioni di tutti i contagiati sono comunque buone.

Il punto del preparatore

«Quello che è capitato al Cosenza potrebbe capitare a noi - dice Andrea Redigolo, preparatore atletico del Citta, intervistato dal Corriere Veneto. Intanto i granata hanno concluso la prima settimana di lavoro al rientro dalla pausa e da domani comincia il focus sul Cosenza: «La prima settimana dell’anno è andata bene, – racconta Redigolo – abbiamo svolto il lavoro che ci eravamo prefissati. Abbiamo fatto lavoro generale con palla, inserendo alcune sedute di forza. Però non abbiamo lavorato tatticamente, bensì con la palla ma dal punto di vista fisico».

Gorini ha pure recuperato gli interpreti che a fine 2021 erano in infermeria: «Sono tutti pronti, l’unica cosa che ci può mettere i bastoni tra le ruote al momento è il Covid  - commenta il preparatore atletico. La squadra della città murata si vuole preparare al meglio per aprire il nuovo anno con il sorriso, anche se si sa che il primo match dopo un lungo stop – l’ultima sfida fa riferimento al pari di Brescia del 19 dicembre – nasconde sempre insidie: «L’incognita è proprio la partita, nel senso che dal punto di vista agonistico è da un mese che non giochi partite ufficiali e non giochi nemmeno amichevoli. – conclude Redigolo – L’importante è arrivare alla gara al 100% dal punto di vista fisico e tattico, poi devi riprendere il ritmo delle partite, ma è una condizione che vale per tutti e non è una condizione di svantaggio in questo caso».

tutte le notizie di