Calcioscommesse, lieto fine per Cutolo

di Redazione PadovaSport.TV

Aniello Cutolo esce pulito dalla vicenda calcioscommesse. Una notizia che dopo la passata stagione, tra l’arresto di Omar Milanetto e la fuga di Francesco Ruopolo, “cacciato” in malo modo dalla tifoseria a seguito della confessione di fronte al procuratore Palazzi, è un’autentica boccata d’aria fresca per tutto l’ambiente biancoscudato, deciso a voltar pagina del tutto dopo gli scandali – veri o presunti – della stagione scorsa. Un lungo, sentito sospiro di sollievo scuote il silenzio della vigilia di Padova-Bari. La squadra si allena lontano da occhi indiscreti, protetta dai cancelli di Bresseo, e non c’è nemmeno la consueta visita del presidente Cestaro a ravvivare il clima plumbeo della mattinata della vigilia. È nel primo pomeriggio, però, che dalle stanze della Figc viene diramato il comunicato al quale, forse, qualcuno non pensava più. L’assenza nel provvedimento del nome di Cutolo certifica la sua estraneità al fatto, e consegna al passato una brutta pagina da archiviare il prima possibile, tranquillizzando del tutto sia l’attaccante napoletano, che aveva sin dal primo giorno ribadito la propria innocenza, sia tifosi e società. «Siamo molto contenti di questa notizia», ha commentato in serata il consigliere Luca Baraldi, «sia per il ragazzo che per il Padova stesso». Per completare ed archiviare definitivamente la questione calcioscommesse resta da superare il pendio più impervio, quello del ricorso presentato contro i due punti di penalizzazione e i tre anni di squalifica inflitti all’ex capitano Vincenzo Italiano. L’appuntamento è fissato per il prossimo 12 novembre (sarà di lunedì), quando il Tnas discuterà l’esposto e scriverà definitivamente la parole fine di fianco al nome del Calcio Padova. Qualunque sia la risposta.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy