tutto padova

Oddo: “Abbiamo lavorato bene, saremo pronti. Ronaldo? Se non ci sarà non dobbiamo fasciarci la testa…”

Oddo: “Abbiamo lavorato bene, saremo pronti. Ronaldo? Se non ci sarà non dobbiamo fasciarci la testa…” - immagine 1

Le parole di mister Oddo la termine della gara amichevole con la Luparense

Tommaso Rocca

Le parole di mister Oddo la termine della gara amichevole con la Luparense:"Queste sono le partite che fanno arrabbiare gli allenatori ma non perchè i ragazzi non abbiano voglia o quant'altro ma perchè sappiamo di arrivare a queste gare molto carichi sulle gambe. L'ultimo allenamento pesante lo abbiamo fatto ieri quindi è normale che sia così ma è quello che serve quando fai questo tipo di gara cioè mettere mettere minuti nelle gambe e allinearci un po' a quelle squadre che andremo affrontare. Le condizioni fisiche non sono ovviamente ottimali per fare una partita di 90 minuti e quindi in quello che è veramente interessa è metabolizzare lo sforzo di queste gare, dopo quello che conterà veramente lo dovremmo fare in campo il 17.  

Il pubblico c'è stato vicinissimo per merito anche dei ragazzi che hanno saputo ricreare entusiasmo, per noi è finito un campionato e ne inizia uno mini, la dobbiamo vedere come una seconda opportunità non solo per noi ma per i tifosi, la città e la società quindi è un obiettivo di tutti e dobbiamo essere tutti uniti e coesi. Vincere anche le amichevoli aiuta a vincere sicuramente ma non è che può buttarti giù un risultato così, sarei stato molto più preoccupato se avessimo vinto 7-8 a zero perché statisticamente come succede tante volte in preparazione le squadre più piccole mettono sempre in difficoltà le squadre più grandi e i risultati eclatanti inizio stagione coincidono sempre con squadre che spesso a fine anno retrocedono. 

Noi stiamo bene, abbiamo fatto un gran bel lavoro e abbiamo spinto fino ad oggi, lo faremo ancora un paio di giorni per poi andare a scendere con la preparazione e ovviamente arrivare a puntino per la prima partita. Abbiamo sfruttato il massimo del tempo per cercare di arrivare a una condizione ottimale e quindi quello è il primo obiettivo perché si può essere bravi tecnicamente e tatticamente quanto vuoi ma se non corri ai playoff c'è poco da fare.  Questa squadra aveva bisogno di ricaricare le pile dal punto di vista mentale ed anche e soprattutto fisico e questo penso che lo abbiamo fatto bene seguendo un preciso percorso che abbiamo voluto fare assieme allo staff. 

Ultimamente riusciamo ad arrivare molto bene fino ai 20 metri finali e poi ci manca un pò la scelta giusta, stiamo lavorando anche su quello e ovviamente quando sei in condizioni fisiche buone hai maggiore lucidità e più facilità a trovare il passaggio giusto. 

Abbiamo raggiunto un livello la squadra ha dimostrato di sapersi adattare a più moduli quindi quello è l'aspetto che mi che mi preoccupa di meno, mi preoccupa molto di più il recuperare tutti i giocatori perché comunque Jelenic e Ronaldo sono giocatori che ci danno tanta qualità ma ci danno anche tanto motore fisicamente parlando e quindi sono giocatori importanti per la squadra. Possibilità di vedere Ronaldo martedì? Quando hai un infortunio ci sono dei tempi biologici e poi c'è il corpo umano che consente a qualcuno di recuperare prima ed altri dopo. Sappiamo che c'è una lesione non grande, ci sono giocatori che ci mettono 10 giorni, altri 20 o anche 30 quindi seguiamo il percorso e vediamo. Quando ci sarà saremo contenti se no non dobbiamo assolutamente fasciarci la testa.  

Il sorteggio? Non ci sono squadre imbattibili come imbattibile non è il Padova quindi ci sono squadre forti squadre meno forti sulla carta ma questo conta veramente meno di zero perché quelle che sono qui sono tutte squadre valide. Non c'è preferenza in questo momento dobbiamo veramente pensare a noi stessi e mettere in campo tutto quello che abbiamo essendo fiduciosi, coraggiosi, convinti delle nostre potenzialità ma sempre con umiltà quando si scende in campo. Nicastro e Curcio? Sono giocatori importanti, stanno recuperando e sono contento di averli a disposizione. Bifulco? Non è niente di grave.

I giovani? Vedremo quello che succederà, si allenano con noi da un po' e stanno mettendo esperienza e ritmo nelle gambe, se capiterà io non ho paura di mettere in campo i giovani." 

tutte le notizie di