Mercato

Padova e l’exploit di Moro a Catania: gli scenari possibili e uno da escludere

Padova e l’exploit di Moro a Catania: gli scenari possibili e uno da escludere

Con gli etnei è partito molto bene, il classe 2001, prodotto del vivaio biancoscudato, è già nel mirino di diversi club

Redazione PadovaSport.TV

Giovani biancoscudati crescono. La scelta di mandare Luca Moro a Catania è stata mirata, in un società che per cause di forza maggiore ha dovuto puntare in estate sui giovani. Moro quindi ha lo spazio necessario per giocare con continuità e crescere. E il Padova sta assistendo al suo exploit. Ancora, ovviamente, è presto per dare un giudizio. Ma le qualità che sta facendo intravedere l'attaccante classe 2001 sono cristalline. Sei gol dopo otto giornate non sono da tutti, figuriamoci quanto pesano per un ventenne.

L'ultima doppietta

Schierato ancora terminale offensivo nel tridente, Luca Moro ieri ha aperto e chiuse le marcature nel 3-2 degli etnei contro la Juve Stabia. Dopo 8 minuti è stato rapido a concretizzare il suggerimento di Russini, che lo ha messo davanti alla porta (dopo l'errore del difensore Tonucci). Nel secondo tempo ha trovato invece la girata vincente sfruttando un cross da sinistra di Greco, aiutato da una deviazione di Troest. Gol da rapace d'area. Veloce nei movimenti, nonostante il fisico strutturato, e abile anche di testa.

Gli scenari

È normale che dopo sei gol in otto partite, Moro abbia attirato l'attenzione di diversi club (si parla anche di serie A). Il Padova lo ha girato in prestito secco, quindi non ci sono opzioni di riacquisto da parte del Catania (società, tra l'altro, in grosse difficoltà economiche) e prima di questa operazione gli ha allungato il contratto. Mossa astuta che permette al club biancoscudato di valutare la sua posizione a giugno. Quasi impossibile, salvo offerte faraoniche che al momento escludiamo, che Moro possa cambiare maglia a gennaio. L'attaccante continuerà la sua esperienza a Catania, per cercare di aggiungere qualche punto in fatto di carattere e cattiveria agonistica. Poi il Padova deciderà se monetizzare o consegnargli la maglia della sua città.

tutte le notizie di