Verso domenica

Padova-Giana Erminio, la partita “trappola” che può diventare decisiva

Padova-Giana Erminio, la partita “trappola” che può diventare decisiva

Lombardi a caccia della salvezza, il risultato non è per nulla scontato

Redazione PadovaSport.TV

Il Padova alza la Coppa davanti a giocatori e tifosi del Südtirol e dimostra, soprattutto a se stesso, che la squadra di Javorcic si può battere. Il trofeo alzato ieri sera rappresenta sicuramente una spinta in più per la squadra di Oddo, se non altro a livello di morale e convinzione dei propri mezzi. Ora c'è da incanalare tutta questa energia positiva per affrontare al meglio l'impegno di domenica, che sulla carta potrebbe sembrare una passeggiata di salute (sono oltre 50 i punti che dividono Padova e Giana Erminio).

Sarà invece molto probabilmente questo un altro passaggio fondamentale della stagione, Ronaldo e compagni devono dimostrare in campo di essere imperturbabili di fronte alla Coppa alzata ieri, alla situazione in classifica che ormai sorride al Padova, all'obiettivo ora più vicino. Quello che più conta è affrontare la Giana Erminio come se fosse l'avversario più complicato del momento (come ha detto il ds Mirabelli, martedì sera nei nostri studi: la vera finale è con la Giana).

Domenica all'Euganeo (14.30, arbitro Giordano di Novara) arriverà un avversario, indubbiamente modesto tecnicamente, ma motivatissimo: in palio per i lombardi c'è la permanenza in serie C, con il Legnago (ultimo in classifica) che dista solo tre lunghezze. La squadra di Contini (avversario spesso di Oddo dal calciatore in serie A nei primi anni 2000) è reduce dal pareggio con il Seregno, in campo si vede spesso con il 4-2-3-1. All'andata finì 1-1, al gol di Acella rispose Della Latta. Questa volta il pareggio equivarrebbe, molto probabilmente, a una dolorosa sconfitta.

tutte le notizie di