Padova, mai così bassa la popolarità di Sullo: la maggioranza dei tifosi chiede l’esonero

Padova, mai così bassa la popolarità di Sullo: la maggioranza dei tifosi chiede l’esonero

di Redazione PadovaSport.TV

Da grande protagonista all’inizio del girone di andata, al crollo attuale con la sesta sconfitta in campionato, la seconda consecutiva dopo quella di Reggio Emilia prima della sosta: il Padova perde l’aura della grande del girone e si accoda tra le “normali” pretendenti a un posto play-off, lasciando la lotta al primo posto a Vicenza, Carpi e Reggiana. Di preoccupante c’è la solita sterilità offensiva, anche se bisognerà mettere alla prova i nuovi arrivi, e i tanti errori commessi sul campo, oltre che un’idea di gioco sempre appannata. Il malumore attorno alla squadra cresce, ieri è cominciato allo stadio, con una leggera contestazione da parte dei duecento circa tifosi presenti, per poi sfociare sulle pagine social: in tanti, tantissimi, chiedono l’esonero di Sullo. C’è chi rivede il cammino del Padova di Oscar Brevi, che ha saputo salvare la panchina grazie a buoni risultati ottenuti nel momento giusto, fallendo però poi l’obiettivo finale con la precoce eliminazione dai play-off. “Gran brava persona, ma non è da Padova”, un commento ricorrente riferito a Sullo in queste ore. “Aldilà dei risultati, negli ultimi 3 mesi questa squadra é regredita nel gioco, la fase offensiva é inesistente e quella difensiva é da panico totale! È questione di tempo… é una situazione che Sullo non é in grado di gestire e ribaltare, tempo e occasioni ne ha avute e le ha sprecate! SOGLIANO NON PERDERE ULTERIORE TEMPO!!!” scrive Stefano, così invece Valentino (sempre dalla pagina fb di PadovaSport): “Purtroppo è l’ennesimo allenatore che non ce la fa… ha una squadra di buoni singoli ma non è mai riuscito a costruire gioco. È una brava persona forse troppo. Ma ci vuole qualcuno con manico diverso. Il Vicenza non ha giocatori migliori ma un top allenatore con motivazioni altissime”. Daniele chiede un intervento repentino della società: “Via subito, sarebbe pericolosa una contestazione contro la societa’ adesso, va esonerato per evitare fischi e contestazioni allo stadio. Via subito”. E via così, con tanti commenti di questo tenore, senza un solo difensore, almeno nell’immediato post Fano, del tecnico avellinese. La panchina di Sullo sembra legata al risultato di domenica all’Euganeo contro il Modena, come scritto ieri. La società ha dimostrato con i primi movimenti di mercato di voler provare a salire di categoria già quest’anno, motivo per cui non si accetterà una resa anticipata: se per il primo posto il treno sembra già passato, il secondo (prezioso in ottica play-off) resta ancora un obiettivo pienamente alla portata. Anche per l’attuale allenatore Sullo, ma serve una decisa sterzata a partire da domenica.

LEGGI ANCHE > Stasera torna Speciale Dilettanti, sfilata di grandi ospiti: ecco a che ora va in onda e dove

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ste - 1 settimana fa

    L’eventuale esonero di Sullo sarebbe in netta contraddizione con gli obiettivi societari. La proprietà ha infatti previsto un piano pluriennale per risalire in B. Quindi? Siamo al 5 posto alla fine del girone di andata ed al primo anno di gestione, dove sta il fallimento? Se si voleva andare direttamente in B forse si doveva spendere qualche milioncino di euro in più…Oggi un altro allenatore difficilmente farebbe di meglio

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy