tutto padova

Padova, Mirabelli: “Si sente un’atmosfera diversa, per lo sprint finale abbiamo bisogno dei tifosi”

Massimiliano Mirabelli

Il ds biancoscudato ha parlato di questi primi mesi intensi, dall'arrivo alle sette vittorie fino al futuro di Oddo

Redazione PadovaSport.TV

Massimiliano Mirabelli, ospite ieri sera nei nostri studi, ha toccato vari argomenti, dalla crisi del sistema calcio italiano all'incredibile volata per il primo posto con il Padova. "Sono un tipo di direttore a cui piace tenere tutto sotto controllo in società, decisamente è un ruolo che mi piace di più rispetto all'osservatore - ha detto, parlando di come interpreta il suo ruolo. Nel pieno della corsa promozione, Mirabelli ha voluto spostare l'attenzione, più che sull'impegno di Coppa di stasera, sulla sfida di domenica: "La prossima è una finale, e non parlo della partita di Coppa a Bolzano, con la Giana Erminio è una partita da affrontare con la massima cautela, abbiamo perso molti punti con le squadre di bassa classifica, stiamo cercando di migliorare sotto l'aspetto della mentalità. Perché chiunque incontri devi affrontarlo nello stesso modo, senza abbassare mai la guardia. Le vittorie di Oddo? Sapevamo che c'erano margini di miglioramento, lui sta facendo molto bene, ma ancora non si è fatto nulla. Ricordiamo anche che Oddo ha lavorato spesso in situazioni di emergenza, da quando è arrivato ci sono stati diversi giocatori indisponibili, anche all'ultimo momento, dopo aver già preparato la partita.

Tutti ricreduti su Oddo

Mirabelli ha parlato ovviamente anche dell'allenatore, che è un po' la sua firma su questo finale di campionato entusiasmante: "Il rinnovo di Oddo? Ci stiamo concentrando tappa dopo tappa (non aggiungendo altro ma facendo capire che in caso di promozione sarebbe davvero una formalità, ndr), ma sono discorsi prematuri. Le voci su Toscano? Neanche meritano un commento". Sull'entusiasmo che si respira nella piazza: "Abbiamo fatto di recente un giro in centro io e lui e qualcuno ha iniziato a fermarci, lui poi è un bel ragazzo e qualche selfie ci è scappato (ride, ndr). Si sente un'atmosfera diversa comunque in città, forse abbiamo acceso una fiammella e mi auguro di vedere tante persone contro la Giana e in trasferta poi a Bolzano".

tutte le notizie di