Padova, Oughourlian è soddisfatto: “Un piacere vedere l’attaccamento della città nonostante la retrocessione”

Padova, Oughourlian è soddisfatto: “Un piacere vedere l’attaccamento della città nonostante la retrocessione”

di Gianmarco Zandonà

Queste le parole di Joseph Oughourlian, presente oggi alla Guizza:

“Non potevo immaginare un debutto migliore, siamo solo all’inizio. Dobbiamo ancora rafforzare un pò sul mercato, ma abbiamo già una buona squadra e l’abbiamo dimostrato domenica. Più che giocare bene ha mostrato la voglia, è tornata a vincere, ha dato l’immagine di una squadra con grinta, questo mi ha fatto piacere. Ma ancora di più vedere tutti i padovani a incoraggiare la squadra, più di 500, dimostra l’attaccamento della città nonostante il colpo morale della retrocessione. Per il club abbiamo lavorato molto, credo che abbiamo scelto le persone giuste, sono contento del lavoro che abbiamo fatto. Quando si retrocede è sempre difficile perchè devono uscire tanti giocatori, c’è un problema di costi, deve cambiare lo spirito altrimenti si retrocede di nuovo e ho la sensazione che c’è una coerenza in questo progetto sportivo. Ci metto la firma se si può tornare subito in Serie B. Ci sono due cose: prima di tutto lo stadio, il progetto del Comune ci sta, siamo una squadra di Serie C e quindi bisogna essere realisti, sull’altro progetto credo che ci voglia una promozione. Sul centro sportivo la Guizza è un bel posto, siamo contenti di essere qui, ma se potessimo fare qualcosa di più ambizioso dove coniugare le esigenze della prima squadra con quelle del settore giovanile, che per me è molto importante. Sullo l’avevo già incontrato quando Sogliano mi ha proposto il suo nome e ho parlato due ore con lui, mi è piaciuto molto. È un grande professionista ed è una persona per bene. Non so dire quando verrò a vedere le partite, sono già presidente del Lens, ho un calendario fitto e una famiglia a Londra che mi aspetta. Abbiamo chiuso la transizione di Moussa Sylla dal settore giovanile del Lens, con Sogliano ritenevamo che potesse fare al caso del Padova e che avrebbe avuto un senso portare qui. Siamo in linea coi costi perchè è vero che c’è il paracadute ma abbiamo anche tanti costi ereditati per la retrocessione, abbiamo dei contratti che pesano sul budget. Comunque proviamo a prendere un altro giocatore, magari un attaccante. Oltre ai ragionamenti finanziari  sono molto contento della squadra fatta dal punto di vista manageriale, c’è un buon equilibrio tra il passato, perchè siamo rimasti nella continuità dei dipendenti del club, e  una rivoluzione dal lato sportivo. Con Bonetto e gli altri azionisti c’è un grande rapporto di fiducia e mi trovo proprio bene qui con le persone e con l’ambiente, con la tifoseria. Sono molto soddisfatto, non ho problemi di nessun tipo, di organizzazione e di gestione. Sono contento di investire, ci vorrà magari più di un anno per tornare ai vertici, ma è un progetto a lungo termine e siamo convinti di proseguire su questa strada”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy