La volata

Tutti uniti verso l’obiettivo, anche in “scadenza”: la scelta dei giocatori del Padova

Tutti uniti verso l’obiettivo, anche in “scadenza”: la scelta dei giocatori del Padova

Discorso rinnovi cancellato dalla testa di tutti, la squadra ha fatto quadrato: c'è un unico pensiero in testa

Stefano Viafora

Non è scontato, quindi è un gesto (positivo) che va sottolineato. Come è noto il Padova ha in rosa tanti giocatori in scadenza di contratto, una precisa scelta della società quella di non rinnovare a campionato in corso, senza conoscere la categoria in cui si giocherà l'anno prossimo (che tutti si augurano sia la B). Tra dicembre e gennaio c'era stata una specie di processione davanti alla porta dell'ad Alessandra Bianchi e tantissime telefonate all'allora ds Sean Sogliano da parte di procuratori e giocatori per cercare di capire le intenzioni del club biancoscudato e discutere, eventualmente, il rinnovo. Anche il nuovo ds Massimiliano Mirabelli, inizialmente, ha avuto qualche contatto con i procuratori dei giocatori in scadenza ma oggi, con la rincorsa al primo posto entrata nel vivo, la squadra ha deciso di fare quadrato e di accantonare ogni esigenza personale. Nessuno ha in mente il contratto, nemmeno i "big" della squadra che lecitamente potrebbero avanzare qualche richiesta (vedi Ronaldo). Tutto è passato in secondo piano, i giocatori stanno sposando in pieno la causa: il "chiodo fisso" del primo posto coinvolge tutti, titolari e meno titolari, giocatori con il contratto pluriennale e con il contratto in scadenza, esperti e giovanissimi.

Da fine febbraio l'argomento rinnovi è sparito dalla testa di tutti (in questo senso è stato bravo anche il ds Massimiliano Mirabelli nella, chiamiamola così, "comunicazione interna"), e questo è un segnale importante di quanto si sia creato in spogliatoio il clima giusto e dell'altissima motivazione che spinge i giocatori biancoscudati a centrare l'obiettivo. Anche la piazza ha capito che le scelte societarie (contestate sul momento) hanno solide fondamenta e che, a prescindere da come finirà, si è cercato davvero di non lasciare nulla di intentato nella corsa al primo posto. Il futuro di tutti è congelato, il presente ha orizzonti molto ristretti perchè la testa deve concentrarsi totalmente sull'impegno settimanale, senza voli pindarici. Oggi è la Pro Vercelli, da domenica sarà la Giana Erminio. La montagna da scalare è impegnativa e la vetta ancora è avvolta dalle nubi. Ma la cordata biancoscudata procede, metro dopo metro.

tutte le notizie di