Serie D

Arzignano, la miocardite ferma Forte: “Dolori dopo il Covid, per me stagione finita”

Arzignano, la miocardite ferma Forte: “Dolori dopo il Covid, per me stagione finita”

Stop per il "metronomo" gialloceleste, gli è stata diagnosticata un'infiammazione al cuore dovuta probabilmente al virus

Redazione PadovaSport.TV

Daniele Forte, il numero 8 dell'Arzignano, metronomo della capolista del girone C di serie D, dovrà fermarsi per un po'. Il giocatore è stato colpito da una forma di probabile miocardite qualche giorno fa che - a meno di improbabili sorprese - non gli consentirà di scendere in campo assieme ai suoi compagni di squadra in quello che sarà un finale di stagione alquanto incerto e affascinante.

Possibile conseguenza del Covid

Lo stesso Forte, intervistato dal Giornale di Vicenza, ha raccontato la sua storia: «Mi sono sottoposto a due dosi di vaccino, a gennaio ho contratto il Covid e nelle scorse settimane dopo due giorni di febbre ho accusato uno strano fastidio al petto; ho così deciso di andare in pronto soccorso per fare dei controlli e dalle analisi sono emersi alcuni valori sballati a causa, come mi hanno detto anche i sanitari, di possibili postumi della malattia». Si tratta di un'infiammazione al cuore, la causa più comune di miocardite è un'infezione virale del muscolo cardiaco: di solito, il virus invade il muscolo cardiaco e provoca un'infiammazione locale. Un caso clinico piuttosto diffuso con il Covid. «Sono rimasto in osservazione per qualche giorno, il corpo per fortuna ha reagito bene e infatti i valori pian piano sembrano di nuovo essersi indirizzati verso la normalità. Ora sono a casa, martedì però avrò una risonanza che dirà meglio il da farsi a partire dai tempi di recupero».

A proposito delle prospettive di rientro, la talentuosa mezzala spiega: «I medici mi hanno detto che nella peggior delle ipotesi dovrei tornare in campo nella prossima stagione, dubito fortemente quindi di poter giocare ancora quest’anno anche perché le partite sono sempre meno e dovrei innanzitutto recuperare la forma fisica». Inutile dire che la perdita di Forte (capace nel torneo in corso di impreziosire prestazioni sontuose con 4 reti e 2 assist) è un duro colpo da digerire per la banda Bianchini.

Duro colpo

Il presidente Lino Chilese ha sottolineato l'importanza di un giocatore come Forte e, quindi, il peso della sua assenza: "Omai è come un nostro figlio, è un duro colpo anche perché stava attraversando uno stato di forma incredibile e in campo è sempre stato un esempio. Sono però convinto che questo gruppo splendido di ragazzi, dove nessuno è titolare o riserva ma sono tutti protagonisti, troverà la forza per sopperire alla sua mancanza"

tutte le notizie di