Carpi, il dg Stefanelli: “Non mi sento ancora in B, in ogni caso abbiamo raggiunto un risultato importante. E Biasci…”

di Redazione PadovaSport.TV

Il direttore generale del Carpi Stefano Stefanelli ha parlato della possibile promozione in B degli emiliani per meriti sportivi: “Siamo partiti tra tante difficoltà – spiega – ma alla fine abbiamo colto un risultato importante. Ora vedremo cosa accadrà in Consiglio Federale, ma noi siamo pronti ad affrontare qualsiasi decisione. Non mi sento ancora con un piede in Serie B… Il colpo a cui sono più legato? Scelgo Biasci, un investimento voluto che ci ha ripagati alla grande e merita il salto di categoria. Lo scouting è il futuro ed è importante per le società. Io posso dire che è dura quando lavori in società che per un motivo e per l’altro non riescono a strutturarsi ti devi sdoppiare. Il modello a Carpi non può che essere quello di chi ha fatto grandi cose prima. Sono molto legato a Giuseppe Pompilio e Cristiano Giuntoli, che rappresentano degli esempi da seguire. Quest’anno abbiamo fatto bene e spero di poter crescere a prescindere dalla categoria. La riforma dei campionati? Bisogna portare la sostenibilità nel calcio professionistico senza costringere le società a sottostare a logiche di età e minutaggio, come farlo non sta a me dirlo…”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy