Il Cittadella si sgonfia quando vede la serie A. Marchetti: “Qualcuno ha perso la grinta”

di Redazione PadovaSport.TV

«Qualche giocatore ha perso la grinta, l’intensità, la determinazione o come volete chiamarla. Io so che se il Cittadella non dà in campo tutto quello che ha in corpo e non mette intensità le partite non le vince. Anzi, più probabilmente le perde». Così il dg del Cittadella, Stefano Marchetti, sulle colonne del Corriere Veneto. È già successo in passato che quando i granata si avvicinano al “paradiso”, subentra un senso di appagamento che può solo fare male. Tolta grinta, determinazione, idea di gioco il Cittadella diventa normale, anzi: non essendoci fenomeni, diventa una squadra da salvezza risicata. “C’è una somma di cose che si sono accatastate l’una accanto all’altra e che hanno creato questa situazione – continua Marchetti – A Vicenza abbiamo perso una partita fatta di episodi. C’era anche un rigore non dato a nostro favore, ma non è quello il motivo principale del ko. Sul gol di Nalini non abbiamo difeso bene, davanti non abbiamo sfruttato le occasioni che ci sono capitate e gli episodi ci sono girati contro»

Pasquetta con la Reggina

Marchetti ha tenuto a rapporto la squadra ieri, invitando tutti a un maggior impegno. Il vantaggio sul nono posto (il primo fuori dall’area playoff) si è assottigliato, il trend è indiscutibilmente negativo e, a parte qualche sprazzo di bel Cittadella, come nel secondo tempo contro la Salernitana, la squadra sembra spenta e involuta, oltre che incapace di pungere. Domani alle 15 arriva al Tombolato la Reggina: «Mi aspetto delle risposte e mi aspetto che la squadra mi dimostri che ha imparato la lezione. Questo è un campionato in cui, se non entri in campo con la determinazione e l’atteggiamento giusto, puoi perdere contro chiunque, anche contro l’ultima in classifica. Più che mai contro una squadra che ha appena espugnato Venezia e che ha dimostrato di essere in salute».

 

Un’immagine di Venturato furioso
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy