Della Latta, il centrocampista che può arrivare in doppia cifra: ecco perché segna tanto nel Padova

di Redazione PadovaSport.TV

Simone Della Latta potenzialmente potrebbe chiudere il campionato a quota 14 gol, se solo nel girone di ritorno avesse la stessa vena realizzativa dell’andata. Il centrocampista del Padova è una delle belle intuizioni di Sean Sogliano nel mercato estivo, che, come abbiamo scritto più volte, è stato rapido nella trattativa quando il feeling del giocatore con il Piacenza era ormai sceso ai minimi termini, con l’aria di smobilitazione generale che tirava nel club emiliano all’esplodere della pandemia.

Sette gol

Insieme a Nicastro, Della Latta è il miglior realizzatore del Padova (senza rigori). Gioca da mezzala e va spesso al gol, che sia di testa o di destro. Ma cos’è cambiato rispetto alle sue precedenti stagioni? È una questione anche di ruolo: nel grande exploit del Piacenza del 2019, quando la squadra emiliana arrivò in finale playoff contro il Trapani di Vincenzo Italiano, Della Latta giocava da centrale nella difesa a tre dell’allenatore Franzini (Bertoncini-Della Latta-Pergreffi)! Altre volte ha giocato da mediano davanti alla difesa. Ad aiutarlo ad essere così presente sul tabellino dei marcatori hanno contribuito anche i due esterni Curcio e Germano che, nel gioco di Mandorlini, devono spingere molto, mettendo a disposizione una buona quantità di palloni giocabili. Poi c’è la sua voglia di andare in B, di cui abbiamo già parlato. Tattica, motivazione, fisico: Della Latta è una perla preziosa della collana di Mandorlini. In queste condizioni difficilmente sostituibile. La speranza, sua e di tutta Padova, è che l’epilogo sia meno amaro rispetto a quel 2019.

Leggi anche > La classifica dopo la ventesima giornata: comanda sempre il Südtirol

 

Sport locale in crisi, il direttore di PadovaSport Stefano Viafora incontra il Presidente di Banca Patavina Leonardo Toson, guarda l’intervista:

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy